domenica 14 agosto 2016

Appeals to the European Commission: Refugees blocked at EU borders

Habeshia Agency

Refugees blocked at EU borders


Hundreds of refugees are stranded in Ventimiglia, in Como, at the threshold of the Alpine frontier. In Milan he arrived nearly 3,500 and continue to increase because only 20 percent are able to continue their journey, compared to 85/90 percent past years.
In Como, in particular, according to the latest reports, they are trapped about 500 migrants are housed in makeshift shelters or camped to the best in the park opposite the station. Almost everyone has tried several times to enter Switzerland or to cross to Germany or to ask asylum, to have relatives in the country willing to host them and help them. In most cases, they have been rejected, even when they have been able to produce certificates of achievement and family documents, domiciled in Switzerland for some time, in fact claim to them, and he would welcome them. Only a few, helped by volunteers and maybe after numerous failed attempts, managed to arrive at the Registration Center to apply for international protection. It 'a daily trickle, in which there seem to be certain criteria in the acceptance or rejection procedures, so as to induce the suspicion that the border guards restrictive service orders have been given so far not officially made known, with the result of the confusion , uncertainties and, therefore, the suffering of so many people, among which must be reported, moreover, at least one hundred minors.
A Ventimiglia, the situation is similar: hundreds of migrants are repeatedly trying to get to Menton, but are almost always intercepted and rejected. Even the few that they can filter are typically identified in a short time and turned back. And Brenner, meanwhile, is always closed. It is recorded so often an ebb towards Milan and its hinterland, or even to Bologna and Rome.

It 'a situation that is exploding, as evidenced by the riots in recent days in Ventimiglia, where, unfortunately, has had to also record the death of a police officer. But it may only be the beginning, when you think about what happens in the reception centers in Italy: the increasingly crowded fields, long waiting times for those who want to apply for asylum in Italy or continue its route to other European countries , the climate of tremendous uncertainty induce more and more migrants to flee, to try to cross the border, even braving the risk of being sent back to the first check and relying perhaps the trafficking organizations that have taken root in Europe.

The point is that Europe is more and more closed and continues to raise barriers to its borders, both external ones, both internal among individual states. In particular, it is clear, in this context, the failure of the relocation program had been planned 160,000 places by 2017 but to date they have been activated in practice only a little over 3,500, of which 902 from Italy and the rest from Greece. It 'clear that if the project work, none of the applicants would be exposed to the risk of a trip underground into the unknown, where the only certainty is the difficulties and suffering that will meet along the way, often misunderstanding or even the hostility of many, the prospect of ending up more and more frequently in the hands of traffickers, exactly as happened to many of them in Africa, before landing in Italy.

Then emerge two needs to be given immediate answers:

 - Restart the relocation plan, asking in Brussels and individual EU member states to respect their commitments, according to the principle, repeatedly stated by several European leaders, that "everyone must do their part."

- A reception system able to overcome the present situation which records more than 90,000 seats in "extraordinary" structures (Cas and Cara) finally implement in Italy (which has so far proved to be primarily a transit country for migrants) and less than 25000 in those destined to accompany the refugees in a process of social inclusion (Sprar), bringing his ability to "hospitality" permanent levels of European average.


A particular problem and is extremely delicate, in this situation, that of unaccompanied minors. I always arrive more: they have tripled over the past five years. And more and more they disappear without a trace. There are also many among the refugees stranded in Ventimiglia, in Como, Milan, at border posts: boys in the vast majority identified the landing and thus formally "taken over" by the Italian State and then "disappeared." It appears evident that for all of them need a special attention. And 'certainly welcome the decision of the Italian government to open within a very short time 35 new reception centers where they take care of this special category of refugees, the most vulnerable and at risk, as denounced in the most numerous occasions NGOs and the same Europol. The situation that has arisen in recent weeks, however, requires immediate intervention involving the whole of Europe:

- Facilitate, by EU governments, the entry of young people in the country who have relatives and family members willing to care for them, beginning with minor stuck in these days at the border.

- Coordinate and make the fastest possible the procedures for the award of family present or in the same countries of landing (mainly Italy and Greece) or in other countries throughout the European community, as well as provides the Dublin Regulation.

- Activate and strengthen the local social services to take care of unaccompanied minors who are refugees have no family in one of the European countries, hosting them in appropriate host communities, not excluding in the future better solutions, like the award to families willing to welcome them or any relatives found or arrived in the meantime in Europe.


This is not extraordinary measures. It is only to enforce the laws and rules that EU states have given themselves. Indeed, to respect the values ​​from which was born the idea of ​​the European Union. Responding adequately to the current crisis of migrants, then, it is perhaps far beyond the problem itself is a challenge in which Europe's future is at stake.



Don Mussie Zerai

President of the agency Habeshia

Rome, August 13, 2016

sabato 13 agosto 2016

Appello alla Commissione Europea

Agenzia Habeshia

Profughi bloccati alle frontiere europee

Centinaia di profughi sono bloccati a Ventimiglia, a Como, alle soglie della frontiera delle Alpi. A Milano ne sono arrivati quasi 3.500 e continuano ad aumentare perché appena il 20 per cento riescono a proseguire il loro viaggio, rispetto all’85/90 per cento degli anni scorsi.
A Como, in particolare, secondo le ultime segnalazioni, sono intrappolati circa 500 migranti, ospitati in alloggi di fortuna o accampati alla meglio nel parco di fronte alla stazione. Quasi tutti hanno cercato più volte di entrare in Svizzera o per attraversarla verso la Germania o per chiedervi asilo, specificando di avere nel paese parenti disposti ad ospitarli ed aiutarli. Nella stragrande maggioranza dei casi, sono stati respinti, anche quando hanno potuto esibire attestazioni e documenti di familiari che, domiciliati da tempo in Svizzera, dichiarano appunto di poterli e volerli accogliere. Solo pochi, aiutati da volontari e magari dopo numerosi tentativi a vuoto, sono riusciti ad arrivare al Centro di Registrazione per presentare domanda di tutela internazionale. E’ uno stillicidio quotidiano, nel quale non sembrano esserci criteri certi nelle procedure di accettazione o respingimento, tanto da indurre il sospetto che alle guardie di confine siano stati impartiti ordini di servizio restrittivi finora non resi noti ufficialmente, con il risultato di aumentare la confusione, l’incertezza e, dunque, la sofferenza di tante persone, tra le quali vanno segnalati, oltre tutto, almeno un centinaio di minorenni.
A Ventimiglia la situazione è analoga: centinaia di migranti stanno ripetutamente tentando di arrivare a Mentone, ma vengono quasi sempre intercettati e respinti. Anche i pochissimi che riescono a filtrare sono in genere individuati in breve tempo e rimandati indietro. E il Brennero, intanto, è sempre chiuso. Si registra così spesso un riflusso verso Milano e il suo hinterland o addirittura verso Bologna e Roma.  

E’ una situazione che sta esplodendo, come dimostrano i disordini avvenuti nei giorni scorsi a Ventimiglia, dove purtroppo si è dovuta registrare anche la morte di un agente di polizia. Ma rischia di essere soltanto l’inizio, se si pensa a quanto accade nei centri di accoglienza in Italia: i campi sempre più affollati, i tempi d’attesa lunghissimi per chi vuole chiedere asilo in Italia o proseguire il suo itinerario verso altri paesi europei, il clima di enorme incertezza inducono sempre più spesso i migranti a fuggire, per cercare di superare la frontiera, anche sfidando il rischio di essere rimandati indietro al primo controllo e affidandosi magari alle organizzazioni di trafficanti che hanno messo radici anche in Europa.

Il punto è che l’Europa è sempre più chiusa e continua ad alzare barriere alle sue frontiere, sia quelle esterne, sia quelle interne tra i singoli Stati. In particolare appare evidente, in questo contesto, il fallimento del programma di relocation: erano stati previsti 160 mila posti entro il 2017 ma ad oggi ne sono stati attivati in concreto solo poco più di 3.500, dei quali 902 dall’Italia e il resto dalla Grecia. E’ evidente che se il progetto funzionasse, nessuno dei richiedenti asilo si esporrebbe al rischio di un viaggio in clandestinità verso l’ignoto, dove l’unica certezza sono le difficoltà e le sofferenze che si incontreranno lungo il cammino, spesso l’incomprensione o addirittura l’ostilità di molti, la prospettiva sempre più frequenti di finire nelle mani dei trafficanti, esattamente come è accaduto a tantissimi di loro in Africa, prima dello sbarco in Italia.

Emergono allora due esigenze a cui dare risposte immediate:

 – Rimettere in moto il piano di relocation, chiedendo a Bruxelles e ai singoli Stati Ue di rispettare gli impegni presi, secondo il principio, più volte ribadito da vari leader europei, che “ciascuno deve fare la propria parte”.

– Attuare finalmente in Italia (che finora si è rivelata essenzialmente un paese di transito per i migranti) un sistema di accoglienza in grado di superare la situazione attuale che registra oltre 90 mila posti nelle strutture “straordinarie” (Cas e Cara) e meno di 25 mila in quelle destinate ad accompagnare i profughi in un percorso di inserimento sociale (Sprar), portando le sue capacità di “ospitalità” permanente ai livelli della media europea.

Un problema particolare ed estremamente delicato è, in questa situazione, quello dei minori non accompagnati. Ne arrivano sempre di più: risultano triplicati negli ultimi cinque anni. E sempre di più ne spariscono senza lasciare traccia. Ce ne sono tantissimi anche tra i profughi bloccati a Ventimiglia, a Como, a Milano, ai posti di frontiera: ragazzi nella stragrande maggioranza identificati allo sbarco e dunque formalmente “presi in carico” dallo Stato italiano e poi “spariti”. Appare evidente che per tutti loro occorre una attenzione particolare. E’ certamente positiva la decisione del Governo italiano di aprire entro brevissimo tempo 35 nuovi centri di accoglienza dove prendersi cura di questa speciale categoria di profughi, i più deboli e a rischio, come hanno denunciato a più riprese numerose Ong e la stessa Europol. La situazione che si è creata nelle ultime settimane, però, esige interventi immediati che coinvolgano l’intera Europa:

– Facilitare, da parte dei Governi dell’Unione, l’ingresso dei ragazzi che abbiano nel paese parenti e familiari disposti a prendersi cura di loro, a cominciare dai minori bloccati in questi giorni alle frontiere.

– Uniformare e rendere le più rapide possibile le procedure per l’affidamento a familiari presenti o negli stessi paesi di sbarco (essenzialmente Italia e Grecia) o in altri paesi di tutta l’Europa comunitaria, come prevede anche il regolamento di Dublino.

– Attivare e potenziare i servizi sociali territoriali che devono prendersi cura dei profughi minorenni non accompagnati che non risultano avere familiari in uno dei paesi europei, ospitandoli in comunità di accoglienza adeguate, senza escludere in futuro soluzioni migliori, come l’affidamento a famiglie disposte ad accoglierli o ad eventuali parenti ritrovati o arrivati nel frattempo in Europa.

Non si tratta di interventi straordinari. Si tratta solo di applicare le leggi e le regole che gli Stati Ue si sono dati. Anzi, di rispettare i valori da cui è nata l’idea stessa di Unione Europea. Dare risposte adeguate all’attuale crisi dei migranti, allora, va forse molto al di là del problema in sé: è  una sfida in cui è in gioco il futuro dell’Europa.
  
don Mussie Zerai
presidente dell’agenzia Habeshia


Roma, 13 agosto 2016

Profughi bloccati alle frontiere europee

Lettera Appello alla Commissione Europea
 On. Federica MOGHERINI
On. Dimitris AVRAMOPOULOS
Centinaia di profughi sono bloccati a Ventimiglia, a Como, alle soglie della frontiera delle Alpi. A Milano ne sono arrivati quasi 3.500 e continuano ad aumentare perché appena il 20 per cento riescono a proseguire il loro viaggio, rispetto all’85/90 per cento degli anni scorsi.

E’ una situazione che sta esplodendo, come dimostrano i disordini avvenuti nei giorni scorsi a Ventimiglia, dove purtroppo si è dovuta registrare anche la morte di un agente di polizia. Ma rischia di essere soltanto l’inizio, se si pensa a quanto accade nei centri di accoglienza in Italia: i campi sempre più affollati, i tempi d’attesa lunghissimi per chi vuole chiedere asilo in Italia o proseguire il suo itinerario verso altri paesi europei, il clima di enorme incertezza inducono sempre più spesso i migranti a fuggire, per cercare di superare la frontiera, anche sfidando il rischio di essere rimandati indietro al primo controllo e affidandosi magari alle organizzazioni di trafficanti che hanno messo radici anche in Europa.
Il punto è che l’Europa è sempre più chiusa e continua ad alzare barriere alle sue frontiere, sia quelle esterne, sia quelle interne tra i singoli Stati. In particolare appare evidente, in questo contesto, il fallimento del programma di relocation: erano stati previsti 160 mila posti entro il 2017 ma ad oggi ne sono stati attivati in concreto solo poco più di 3.500, dei quali 902 dall’Italia e il resto dalla Grecia. E’ evidente che se il progetto funzionasse, nessuno dei richiedenti asilo si esporrebbe al rischio di un viaggio in clandestinità verso l’ignoto, dove l’unica certezza sono le difficoltà e le sofferenze che si incontreranno lungo il cammino, spesso l’incomprensione o addirittura l’ostilità di molti, la prospettiva sempre più frequenti di finire nelle mani dei trafficanti, esattamente come è accaduto a tantissimi di loro in Africa, prima dello sbarco in Italia.

Emergono allora due esigenze a cui dare risposte immediate:

 – Rimettere in moto il piano di relocation, chiedendo a Bruxelles e ai singoli Stati Ue di rispettare gli impegni presi, secondo il principio, più volte ribadito da vari leader europei, che “ciascuno deve fare la propria parte”.
– Attuare finalmente in Italia (che finora si è rivelata essenzialmente un paese di transito per i migranti) un sistema di accoglienza in grado di superare la situazione attuale che registra oltre 90 mila posti nelle strutture “straordinarie” (Cas e Cara) e meno di 25 mila in quelle destinate ad accompagnare i profughi in un percorso di inserimento sociale (Sprar), portando le sue capacità di “ospitalità” permanente ai livelli della media europea.
Un problema particolare ed estremamente delicato è, in questa situazione, quello dei minori non accompagnati. Ne arrivano sempre di più: risultano triplicati negli ultimi cinque anni. E sempre di più ne spariscono senza lasciare traccia. Ce ne sono tantissimi anche tra i profughi bloccati a Ventimiglia, a Como, a Milano, ai posti di frontiera: ragazzi nella stragrande maggioranza identificati allo sbarco e dunque formalmente “presi in carico” dallo Stato italiano e poi “spariti”. Appare evidente che per tutti loro occorre una attenzione particolare. E’ certamente positiva la decisione del Governo italiano di aprire entro brevissimo tempo 35 nuovi centri di accoglienza dove prendersi cura di questa speciale categoria di profughi, i più deboli e a rischio, come hanno denunciato a più riprese numerose Ong e la stessa Europol. La situazione che si è creata nelle ultime settimane, però, esige interventi immediati che coinvolgano l’intera Europa:

– Facilitare, da parte dei Governi dell’Unione, l’ingresso dei ragazzi che abbiano nel paese parenti e familiari disposti a prendersi cura di loro, a cominciare dai minori bloccati in questi giorni alle frontiere.
– Uniformare e rendere le più rapide possibile le procedure per l’affidamento a familiari presenti o negli stessi paesi di sbarco (essenzialmente Italia e Grecia) o in altri paesi di tutta l’Europa comunitaria, come prevede anche il regolamento di Dublino.
– Attivare e potenziare i servizi sociali territoriali che devono prendersi cura dei profughi minorenni non accompagnati che non risultano avere familiari in uno dei paesi europei, ospitandoli in comunità di accoglienza adeguate, senza escludere in futuro soluzioni migliori, come l’affidamento a famiglie disposte ad accoglierli o ad eventuali parenti ritrovati o arrivati nel frattempo in Europa.

Non si tratta di interventi straordinari. Si tratta solo di applicare le leggi e le regole che gli Stati Ue si sono dati. Anzi, di rispettare i valori da cui è nata l’idea stessa di Unione Europea. Dare risposte adeguate all’attuale crisi dei migranti, allora, va forse molto al di là del problema in sé: è  una sfida in cui è in gioco il futuro dell’Europa. 

don Mussie Zerai

presidente dell’agenzia Habeshia

mercoledì 27 luglio 2016

Oltre 500 profughi eritrei rischiano il rimpatrio forzato dal Sudan

Agenzia Habeshia. Appello

Oltre 500 profughi eritrei rischiano il rimpatrio forzato dal Sudan
  

Secondo le richieste di aiuto pervenute all’agenzia Habeshia da alcuni familiari residenti in Italia, tra 500 e 600 profughi eritrei rinchiusi in Sudan nel centro di detenzione di Al Huda, a nord di Khartoum, stanno per essere rimpatriati e, dunque, riconsegnati di fatto alla dittatura dalla quale sono fuggiti. Tra di loro ci sono anche numerosi minorenni, ragazzi di appena 16/17 anni, donne e uomini.
Gran parte di quelle centinaia di giovani sono rinchiusi ad Al Huda da mesi o da settimane, alcuni solo da pochi giorni: rifugiati che, bloccati durante la fuga verso il Mediterraneo al confine con la Libia, sono stati poi intercettati e arrestati dalla polizia sudanese. A molti di loro sarebbe stato chiesto un riscatto (in media 300 euro a testa) per il rilascio: una prassi che, come è noto, è ormai diffusa non solo in Sudan ma soprattutto in Libia. Qualcuno avrebbe ceduto al ricatto e, dopo aver versato la somma richiesta, sperava di essere liberato entro breve tempo.
La situazione è precipitata negli ultimi giorni, quando, accompagnati da autorità sudanesi, si sono presentati nel carcere alcuni rappresentanti dell’ambasciata eritrea a Khartoum. Sono iniziate da allora forti pressioni su tutti i profughi detenuti per indurli a firmare un documento in cui, dichiarando la propria identità e la città di provenienza, si direbbero pronti ad accettare il rimpatrio. Molti hanno firmato quelle carte, ma subito dopo sono riusciti ad avvertire i familiari di essere stati indotti a farlo soltanto per il clima diffuso di paura e per la situazione di grave costrizione che si erano di fatto creati nel centro di detenzione di Al Huda. Questi messaggi di aiuto sono stati fatti “uscire” dal carcere grazie a telefoni cellulari sottratti ai controlli di polizia durante l’arresto e nei giorni successivi.
Sta di fatto che i rimpatri forzati sarebbero iniziati o in procinto di iniziare. In testa alla lista sarebbero stati inseriti proprio i profughi che avevano accettato di pagare il “riscatto” per essere rilasciati dalla polizia sudanese. Appare evidente che ci si trova di fronte a un caso di respingimento di massa che investe oltre 500 profughi, in contrasto con il diritto internazionale e la convenzione di Ginevra sui diritti dei rifugiati. Un respingimento, oltre tutto, che comporta la consegna di centinaia di persone alla galera, alle torture, forse per alcuni alla morte stessa. In una parola: la consegna di centinaia di vite umane alle “punizioni” previste per i profughi e per i richiedenti asilo espatriati, da parte del regime di Asmara, più volte messo sotto accusa, in tutte le sedi internazionali, per la sistematica violazione dei diritti umani, come ha confermato anche l’ultimo rapporto della Commissione d’inchiesta dell’Onu la quale, nel giugno scorso, ha esplicitamente imputato alla dittatura una serie di crimini contro l’umanità, inclusa la riduzione in schiavitù, detenzioni illegali e immotivate, sparizioni forzate, uccisioni mirate.
Alla luce di tutto questo, chiediamo all’Unhcr di intervenire tempestivamente per impedire questo ennesimo sopruso, che viola apertamente i diritti fondamentali dei rifugiati e mette a rischio l’esistenza e il futuro di centinaia di giovani.

don Mussie Zerai
Presidente dell’agenzia Habeshia

Roma, 26 luglio 2016

mercoledì 20 luglio 2016

Stop al Caporalato, Coltiviamo la Legalità

COMUNICATO STAMPA
Stop al Caporalato, Coltiviamo la Legalità
Al via la campagna per l'approvazione del ddl 2217 contro lo sfruttamento nei campi
Lecce, 20 luglio 2016 – Parte dalla Puglia la campagna “Stop al caporalato. Coltiviamo la legalità” contro lo sfruttamento del lavoro in agricoltura.
Domani la conferenza stampa di presentazione, alle 10:30, alla CGIL di via Merine, a Lecce.
Una coalizione di sindacati e ONG ha lanciato la petizione www.progressi.org/caporalato per l'approvazione del ddl 2217, attualmente fermo in Senato. Tra le organizzazioni: Progressi.org, FLAI Cgil, Lavoro&Welfare, Cittadinanzattiva, il Consiglio Italiano per i rifugiati, ARCI, ASGI, Legambiente e l'Unione Forense per la Tutela dei Diritti Umani.
“Siamo sui campi dalle cinque del mattino e fino a tarda sera, per circa 30 euro al giorno. I caporali prendono 10 euro per ognuno di noi e organizzano anche il trasporto, dentro e fuori la Puglia. Siamo centinaia e lavoriamo almeno 300 giorni l’anno, quindi è facile immaginare quanto guadagnano i caporali”. È la testimonianza raccolta da Progressi, di una lavoratrice di Brindisi, che chiede di restare anonima per paura di ritorsioni.
Il caporalato interessa 400 mila lavoratori agricoli. Si tratta di un giro d'affari illegale di circa 17 miliardi di euro che penalizza l'economia sana del nostro Paese e che interessa tanto il Sud quanto il Nord.

“La campagna prende il via dalla Puglia, un luogo simbolico nella lotta contro lo sfruttamento in agricoltura - dice Vittorio Longhi, presidente di Progressi - il caporalato riguarda tutti, tanto i lavoratori e i produttori quanto i consumatori, per questo motivo è importante che l’intero settore della distribuzione si impegni attivamente”.
La petizione chiede la rapida approvazione del disegno di legge, il ridimensionamento nell'uso dei voucher e il rilancio della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità. Le firme saranno consegnate al Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina, al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, al Ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, al Presidente del Senato Pietro Grasso e al Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini.

 

Consiglio Italiano per i Rifugiati - Onlus

Agenzia Habeshia, sostiene questo appello fermiamo il Caporalato e il nuovo schiavismo sotto i nostri occhi.
don Mussie Zerai

martedì 19 luglio 2016

Profughi, piano di ricollocamento: l’ennesimo suicidio dell’Europa


di Emilio Drudi

Dall’inizio dell’anno ne sono arrivati a migliaia al centro della Croce Rossa sulla via Tiburtina, a Roma: giovani profughi, per lo più africani, provenienti dal Sud Italia. Nel 2015 tantissimi erano “transitanti” sconosciuti, senza documenti. Ora quasi tutti sono stati identificati e foto segnalati. Alcuni si fermano solo pochi giorni, per poi riprendere il viaggio, sfidando il regolamento di Dublino che li vincola al paese in cui sono sbarcati e magari disfacendosi delle “carte” ricevute alla registrazione, nell’illusione di non essere “riconosciuti” e di poter così superare i controlli oltralpe. Altri, i più, vogliono entrare nel circuito del ricollocamento, chiedendo di essere destinati ad un altro paese europeo. Oppure presentano la domanda di asilo per restare in Italia. In maggioranza sono eritrei. Poi, etiopi quasi sempre di etnia oromo, somali, sudanesi.
Da gennaio ad oggi non è arrivato un solo gambiano. E’ strano, perché sono tanti, sempre di più, i migranti forzati sbarcati in Italia da questo piccolo Stato dell’Africa Occidentale: quasi il dieci per cento del totale, il terzo gruppo per nazionalità dopo gli eritrei e i nigeriani. Il fatto è che chi fugge dal Gambia non viene considerato un profugo ma un “migrante economico”. La selezione avviene subito dopo lo sbarco, chiudendo ogni possibilità di entrare in un programma di protezione e accoglienza. Eppure il paese è oppresso dalla dittatura di Yahya Jammeh, una delle più dure del mondo: soppressione di ogni forma di libertà e opposizione al regime, arresti arbitrari anche di massa, detenzioni illegali senza alcuna accusa formale, sparizioni forzate, omicidi mirati, tortura come pratica abituale, violazione sistematica dei diritti umani. Gli ultimi rapporti di Amnesty e di Human Rights Watch sono più che eloquenti. E il presidente Yahya Jammeh ha annunciato un ulteriore giro di vite in direzione di uno Stato islamico sempre più fondamentalista. Evidentemente, però, poco importa: il Gambia viene considerato uno Stato “sicuro”, con il quale si possono allacciare accordi per il rimpatrio forzato dei profughi.
Ciò che accade alla maggior parte dei fuggiaschi dal Gambia, inascoltati e respinti alla frontiera, pare sia la regola per i profughi provenienti da numerosi altri paesi africani: Burkina Faso, Guinea, Mali, Nigeria, Senegal, Togo, Costa d’Avorio. Ovvero, per i giovani che, essendo ormai bloccata, per effetto del Processo di Rabat, la rotta del Mediterraneo Occidentale, con imbarchi dal Marocco, puntano su quella del Mediterraneo Centrale, arrivando in Italia dalla Libia e dall’Egitto. Tutto lascia credere, in sostanza, che ci sia la disposizione, più o meno esplicita, di procedere a una selezione sommaria, immediata, in base alle nazioni di provenienza. Numerose associazioni umanitarie hanno denunciato questa procedura fin dall’apertura dei primi hotspot: “Le richieste di asilo non vengono esaminate caso per caso, come prevedono il diritto e le convenzioni internazionali, con il risultato che questi centri di prima identificazione si stanno rivelando una fabbrica di irregolari”. Secondo i dati del Viminale, diffusi in una conferenza stampa a Palermo da Arci, Diritti e Frontiere e l’Altro Diritto, ad esempio, dall’inizio di gennaio alla fine di febbraio 2016, su un totale di circa 7.800 nuovi arrivi (in linea con gli sbarchi dello stesso periodo 2015), sono stati registrati 5.254 irregolari, oltre il 40 per cento in più dei 3.666 censiti l’anno prima. “Il motivo di questo balzo enorme – ha dichiarato Fulvio Vassallo Paleologo, giurista di Diritti e Frontiere – sta nel fatto che gli hotspot si sono rivelati un sistema di clandestinazione forzata. Al momento dello sbarco, ai migranti vengono poste domande sommarie sul luogo di provenienza, in modo che nella maggior parte dei casi si arrivi in tempi rapidi alla notifica del provvedimento di respingimento”. E tra i fattori che impediscono ai profughi di accedere alle procedure di asilo sono segnalati, appunto, anche la nazionalità e il luogo di provenienza, sulla scorta di un elenco di paesi ritenuti “sicuri”.
In base a questo principio, in Italia le misure di protezione vengono assicurate in grande prevalenza, se non quasi esclusivamente, a chi fugge dalla Siria, dall’Eritrea, dall’Iraq, dall’Afghanistan. In Grecia, l’altro paese mediterraneo di primo sbarco, si adottano sostanzialmente gli stessi criteri. Cambiano soltanto, in parte, le nazionalità “privilegiate”: Siria, Iraq, Palestina. Voci in questo senso circolavano da tempo. Ora c’è una segnalazione formale fatta all’Unhcr dall’agenzia Habeshia, in seguito a una richiesta di aiuto lanciata da diversi profughi. “La cosa strana che mi ha riferito  un gruppo di eritrei ospiti del Moria Camp di Lesbo – scrive don Mussie Zerai a Giovanni Lepri, dell’Unhcr Grecia – è che uno dei responsabili del centro di accoglienza avrebbe detto che la precedenza, come richiedenti asilo, per il reinsediamento verso il Nord Europa, spetterebbe ai siriani, poi agli iracheni e infine ai palestinesi. Solo dopo verrebbero gli eritrei, come fossero rifugiati di serie D. Vi risulta questa classificazione? E da che cosa dipende? Qual è il criterio, insomma?”.
Lo stesso, secondo le denunce giunte ad Habeshia, accadrebbe in altri campi sparsi nelle isole greche. Ad esempio a Chios, dove c’è un gruppo di 27 eritrei, o a Leros, dove gli eritrei sono 50. Ora Habeshia sta svolgendo indagini anche sui campi del continente greco, a cominciare da quello situato a circa 70 chilometri da Atene. Il numero più consistente resta però, al momento, quello del Moria Camp di Lesbo, con 110 profughi eritrei: 85 uomini e 25 donne, di cui quattro in stato di gravidanza. Alcuni dei richiedenti asilo che hanno sollevato il caso sono confinati lì da oltre quattro mesi, senza che nessuno abbia mai fornito loro spiegazioni o indicazioni. Un limbo, anzi, quasi uno stato di detenzione che sembra senza fine. “E’ una situazione frustrante – insiste don Zerai – Quei giovani non riescono nemmeno a sapere a che punto sia la loro procedura di asilo o di reinsediamento, mentre rifugiati siriani o iracheni giunti da poche settimane partono per altre destinazioni. E’ ovvio, allora, che vivano tutto questo come una forma di discriminazione nei loro confronti. E che montino sentimenti di frustrazione e di protesta”.

Ed è ovvio, in queste condizioni, che molti, sempre di più, accarezzino l’idea di scappare da quei campi, anche a costo di rischiare di uscire dal programma internazionale di protezione. “All’inizio – rileva Amr Adam, un interprete che collabora con la Croce Rossa ed altre istituzioni a Roma – i richiedenti asilo hanno manifestato una grande fiducia nel piano di ricollocamento. Hanno visto in questo progetto la prima vera occasione di accesso legale e controllato all’Europa. Il modo in cui le procedure sono state applicate, le discriminazioni, i ritardi, le lentezze burocratiche, i tempi di attesa sempre più lunghi, hanno però progressivamente smantellato questa fiducia. La reazione è di due tipi: o uno scoramento profondo, che porta talvolta ad episodi di autolesionismo o addirittura a tentativi di suicidio; oppure un senso di ribellione, che induce a tentare di arrivare comunque in qualche paese europeo, rivolgendosi magari ai trafficanti. E’ proprio questa la grande sconfitta: il piano di ricollocamento, se attuato, sarebbe stato uno strumento di grande efficacia contro il traffico clandestino di uomini in tutta Europa. Oggi accade invece che i profughi sono tornati ancora a fidarsi più dei trafficanti che delle istituzioni. A parte gli aspetti umanitari, è, a dir poco, una enorme occasione mancata per la credibilità stessa dell’Unione Europea”.

mercoledì 22 giugno 2016

Colombe d'Oro Prize for Peace Disarmament Archive 2016 - XXXII edition


"There can not be peace without fundamental rights and without Justice"
DISARMAMENT ARCHIVE PRIZE 
GOLDEN DOVES FOR PEACE 2016
founded by Luigi Anderlini
XXXII Edition
Press release June 22, 2016
Colombe d'Oro Prize for Peace Disarmament Archive 2016 - XXXII edition
THE WINNERS OF THIS YEAR
Diego Bianchi "Zoro" (bloggers)
Lucia Capuzzi (Avvenire)
Lorenzo Trombetta (USA Today)
Colomba d'Oro International to Fr. Mussie Zerai - Habeshia and Humanitarian corridors

Back on June 23 Award Disarmament Archive - Colombe d'oro for Peace awarded annually to journalists and international personalities who have most distinguished themselves in promoting the themes of peace, non-violent conflict management and international cooperation. In the course of thirty-one editions the prize was awarded to 61 journalists and 31 international personalities. Among others: Olof Palme, Nelson Mandela, Perez de Cuellar; John Hume, Jesse Jackson, Gino Strada, Hans Blix, Daniel Barenboim.
This year the jury, made up of Fabrizio Battistelli, Dora Iacobelli, Riccardo Iacona, Dacia Maraini, Andrea Riccardi and Tana de Zulueta, will deliver the gold Colombe Thursday, June 23 p.v. For journalists section withdraw the prize:
Diego Bianchi "Zoro", blogger and host of the television program Gazebo, author of the original evidence on metropolitan suburbs of Rome and the Mediterranean. At the news of the Prize, the popular presenter commented: "The conflict has now entered into the house. In reporting recent years, Foreign were a bit 'mistreated, but when they get into the house, not only in Lampedusa but throughout Italy, you have one more reason to speak of Foreign Affairs. As? Going directly to us in places permeated by what we see. Everything is in tell, later, in the most direct way. "
Lorenzo Trombetta, Ansa correspondent for the Middle East, for years with competence and courage explores the complex Syrian issue. He said: "I dedicate this award to Father Paolo Dall'Oglio, an Italian citizen for three years vanished in northern Syria, which is fighting for peace and dialogue between communities."
Lucia Capuzzi of Avvenire, gives an account of the paradoxes produced by poverty, authoritarianism and economic dependence as wounds that mark the Latin American continent. Capuzzi observes: "250,000 people killed, massacred 30 young people every day in El Salvador, 400,000 people a year who attempt the journey-nightmare from Central America to the United States. It is not only structural violence. It is war. "

There are two international Colombe d'oro 2016

Don Moses Zerai President of Habeshia, agency that works for the integration of immigrants, giving them assistance in emergencies, in legal protection, in educational action. He says Don Zerai "There can be no peace without the recognition of fundamental rights by the people. This is my commitment, to protect the fundamental rights of people in movement, giving voice to those who live in conditions of segregation and persecution ".
Humanitarian corridors promoted by the Community of Sant'Egidio, Federation of Evangelical Churches in Italy, the Waldensian Church. A project that in two years will provide a safe and legal asylum to thousands of refugees from Syria and Africa.
Disarmament Archive organizes the Award with the support of the member Cooperatives in LEGACOOP.